Via agli incentivi per assumere donne disoccupate: riduzione del 50% dei contributi del datore per 12 mesi

Il ministro del lavoro, Elsa Fornero, in attuazione della riforma per il mercato del lavoro, ha firmato il decreto ministeriale che rende operativa la possibilità di creare e riconoscere incentivi massicci per favorire l'assunzione di donne disoccupate

Via libera agli incentivi per l'occupazione «in rosa» nei settori con disparità di genere. Il ministro del lavoro, Elsa Fornero, in attuazione della riforma del mercato del lavoro, ha firmato il decreto ministeriale che rende operativa la possibilità di riconoscere notevoli incentivi per l'assunzione – a decorrere dal 1° gennaio 2013 - di donne disoccupate in settori produttivi caratterizzati, negli assetti occupazionali, da rilevanti disparità di genere

È prevista la riduzione dei contributi dovuti dal datore di lavoro nella misura del 50% per la durata di 12 mesi. In caso di trasformazione del rapporto a tempo indeterminato, c'è la possibilità di prolungare la durata del beneficio fino al diciottesimo mese

Il decreto arriva subito dopo il provvedimento che consente lo ‘sblocco' degli incentivi per i contratti di inserimento lavorativo in favore di donne residenti in aree svantaggiate e che siano state assunte fino a tutto il 2012