Dal 19 al 21 Aprile 2010 a Catania "Job 2010"

Accoglienza, orientamento tramite gli sportelli multifunzionali, spazi per la consulenza alle imprese e a chi è in cerca di un'occupazione, sportello per il collocamento dei disabili.

Accoglienza, orientamento tramite gli sportelli multifunzionali, spazi per la consulenza alle imprese e a chi è in cerca di un'occupazione, sportello per il collocamento dei disabili. E ancora: gestione della Rete Eures per aiutare chi vuole lavorare all'estero (il servizio prevede anche un tutor nel paese in cui si sarà assunti), consultazione della 'Bacheca Lavoro' gestita dall'assessorato regionale al Lavoro, informazioni sui servizi espletati (dalla conciliazione, agli ammortizzatori sociali, fino ai cantieri di lavoro) e sui tirocini formativi. Questa è una parte dell'offerta che il servizio ufficio provinciale del lavoro metterà a disposizione di chi interverrà al 'Job 2010', che aprirà i battenti oggi 19 aprile fino a giorno 21 presso il Polo Fieristico "Le Ciminiere", quando il Presidente della Provincia di Catania, Giuseppe Castiglione, taglierà il nastro inaugurale. "Tutti questi servizi sono stati collocati al piano terra del padiglione in cui si svolgerà la manifestazione - spiega Sergio De Matteo, funzionario del Supl -Al primo piano invece, sono stati allestiti diversi spazi dedicati alla formazione professionale gestita dagli enti che operano in Sicilia". Gli studenti e i giovani che interverranno alla manifestazione potranno quindi valutare un'ampia offerta formativo-professionale, che spazia dalla moda al restauro, dalla ristorazione all'arte e spettacolo, fino al benessere, ai servizi alle imprese, al turismo e al sociale. E proprio in occasione del 'Job 2010', il servizio ufficio provinciale del lavoro di Catania, che conta 13 uffici nell'intera provincia e 47 sportelli multifunzionali che fanno capo a 17 enti di formazione, ha predisposto una guida del Piano regionale offerta formativa. "Il vademecum offre un panorama completo dell'offerta in provincia di Catania - puntualizza ancora De Matteo - suddiviso per settore e corredato di tutti gli indirizzi necessari. Troppo spesso chi ha il desiderio di partecipare a questi corsi non lo può fare perché non ne sa nulla o perché lo viene a sapere in ritardo. Con questa guida, credo la prima del genere nel nostro territorio, speriamo di poter fornire un ulteriore e fondamentale servizio" FonteAdnKronos LabItalia