Indagine ISFOL "Canali di intermediazione e ricerca di lavoro"

Il 30,7% degli occupati ha ottenuto il proprio impiego attuale attraverso la segnalazione di un qualche conoscente.

La via più breve per trovare lavoro? Senza dubbio la raccomandazione. Il 30,7% degli occupati ha ottenuto il proprio impiego attuale attraverso la segnalazione di un qualche conoscente.

È quanto emerge dalla nota informativa “Canali di intermediazione e ricerca di lavoro”, basata sui dati PLUS 2010, indagine realizzata dall’Isfol su un campione di 40 mila individui tra i 18 e i 64 anni.

La fiducia riposta nei canali di intermediazione informale non manca anche quando la ricerca delle opportunità di lavoro passa attraverso i contatti nell’ambiente lavorativo: in tal caso a far leva sono la reputazione, il merito o anche il semplice passa-parola (7,5%).

“Uno dei motivi per cui l’Italia ha difficoltà di crescita - afferma il Direttore generale dell’Isfol Aviana Bulgarelli - consiste proprio nel cattivo utilizzo del proprio capitale umano: le persone non sanno come far conoscere e valere il proprio talento, le imprese non riescono a trovare lavoratrici e lavoratori con le competenze necessarie ai propri fabbisogni. La scorciatoia di rivolgersi ad amici e parenti non premia professionalità e merito, né aiuta le imprese a competere, crescere e innovare".

[Fonte: www.isfol.it]

AllegatoDimensione
ISFOLappunti_1_agosto2011.pdf59.88 KB