Intesa per il rilancio dell'apprendistato

E’ stata siglata il 27 ottobre tra Governo, Regioni, Province autonome e parti sociali un’intesa per il rilancio dell’apprendistato.

L’intesa mira a sviluppare le potenzialità dell’apprendistato come strumento di contrasto alla crisi occupazionale giovanile, in particolare attraverso:

- la semplificazione del quadro giuridico/normativo;

- una più chiara ripartizione delle competenze tra i diversi livelli istituzionali coinvolti;

- il potenziamento dell’effettività e dell’efficacia della componente formativa;

- la definizione di una più chiara identità del contratto apprendistato, anche allo scopo di prevenire e combattere un uso distorto del tirocinio e delle collaborazioni.

L’impegno assunto dagli attori coinvolti nell’intesa riguarda, innanzitutto, la garanzia di un’immediata certezza del quadro giuridico e istituzionale di riferimento. In attesa della ridefinizione e della revisione della normativa vigente, già oggetto di delega al Governo in base al Ddl “c.d. Collegato lavoro” di recente approvazione, le parti si impegnano quindi a confermare:

- il quadro di operatività dell’apprendistato professionalizzante, “con particolare riferimento alla funzione surrogatoria dei contratti collettivi nazionali di lavoro e degli accordi interconfederali là dove la Regione non abbia regolamentato la materia d’intesa con le associazioni dei datori di lavoro e prestatori di lavoro comparativamente più rappresentative sul piano regionale”;

- la validità e l’operatività, per le ipotesi di cui al comma 5 ter dell’articolo 49 del decreto legislativo n. 276 del 2003, in materia di formazione esclusivamente aziendale, e alla luce della sentenza n. 176 del 2010 della Corte Costituzionale, delle previsioni contenute nei contratti collettivi e negli accordi interconfederali per le Regioni che non hanno già provveduto a definire compiutamente la normativa ai sensi dell’articolo 49, commi 5 e 5 ter, del citato decreto legislativo n. 276 del 2003;

L’intesa riguarda infine l’avvio di un tavolo tripartito Governo/Regioni e Province Autonome/parti sociali finalizzato alla definizione:

- di una mappatura condivisa della normativa concretamente applicabile Regione per Regione, settore per settore;

- di linee guida condivise per la riforma dell’apprendistato professionalizzante secondo la delega contenuta nella legge n. 247 del 2007 in corso di riattivazione nell’ambito del disegno di legge “c.d. collegato lavoro”;

- di un quadro più razionale ed efficiente dei tirocini formativi e di orientamento al fine di valorizzarne le potenzialità in termini di occupabilità e prevenire gli abusi e l’utilizzo distorto degli stessi.