Istat: rilevazione mensile su occupati e disoccupati

dati relativi a settembre 2011
  • A settembre 2011 gli occupati sono 22.911 mila, in diminuzione dello 0,4% (-86 mila unità) rispetto ad agosto.
    Il calo riguarda sia la componente maschile sia quella femminile.
    Nel confronto con l'anno precedente, l'occupazione resta sostanzialmente sintesi di un aumento degli uomini occupati dello 0,1% e di una diminuzione delle donne di pari entità.
  • Il tasso di occupazione si attesta al 56,9%, in diminuzione sia nel confronto congiunturale (-0,2 punti percentuali) sia in termini tendenziali (-0,1 punti percentuali).
    Il tasso di occupazione maschile, pari al 67,7%, diminuisce di 0,2 punti percentuali rispetto ad agosto, restando invariato su base annua.
    Quello femminile, pari al 46,1%, registra una diminuzione di 0,2 punti percentuali sia in termini congiunturali sia tendenziali.
  • Il numero dei disoccupati, pari a 2.080 mila unità, aumenta del 3,8% rispetto ad agosto (76 mila unità).
    Su base annua si registra una crescita del 3,5% (71 mila unità). L'incremento interessa sia la componente maschile sia quella femminile.
  • Il tasso di disoccupazione si attesta all'8,3%, in aumento di 0,3 punti percentuali sia rispetto ad agosto sia rispetto all'anno precedente.
    Il tasso di disoccupazione maschile aumenta di 0,3 punti percentuali nell’ultimo mese, portandosi al 7,4%; anche quello femminile mostra un aumento della stessa entità e si attesta al 9,7%.
    Rispetto all’anno precedente il tasso di disoccupazione maschile sale di 0,2 punti percentuali e quello femminile di 0,3 punti percentuali.
  • Il tasso di disoccupazione giovanile sale al 29,3%, con un aumento congiunturale di 1,3 punti percentuali e un aumento tendenziale di 1,6 punti Gli inattivi tra i 15 e i 64 anni sono 15.051 e crescono dello 0,1% (21 mila unità) rispetto al mese precedente; il tasso di inattività si attesta al 37,9%, registrando un aumento congiunturale di 0,1 punti percentuali. 

[Fonte: Istat]

 

Nota : Per ulteriori dati sull'andamento del mercato del lavoro, è possibile consultare la scheda "Barometro del Lavoro"