Rilancio dell'occupazione meridionale, i nuovi progetti DFP - Formez - Ministero del Lavoro sui Servizi per l'Impiego

Presentati lo scorso 17 ottobre a Capo d’Orlando (ME) i nuovi progetti per rafforzare le politiche per il lavoro nelle 4 regioni dell' Obiettivo Convergenza

Ministero del Lavoro, Dipartimento della Funzione Pubblica e Formez hanno presentato lo scorso 17 ottobre a Capo d’Orlando i nuovi progetti per rafforzare le politiche per il lavoro nelle 4 regioni dell' Obiettivo Convergenza (Sicilia, Calabria, Campania, Puglia): 120 milioni di euro per favorire l'occupazione dei giovani del Mezzogiorno e 2 milioni di euro per migliorare i servizi dei Centri per l’Impiego. I relatori hanno presentato le proposte per contrastare la crisi e creare nuove occasioni di lavoro nell'ambito del convegno “Misure in materia di mercato del lavoro contro la crisi: le nuove politiche attive e il lavoro accessorio”, organizzato dal Ministero del Lavoro e dal Formez. Il seminario è stato il primo di una serie di appuntamenti organizzati per presentare le novità in fatto di lavoro occasionale, come i voucher, ma anche i nuovi progetti per promuovere tirocini formativi e migliorare il funzionamento dei centri per l’impiego. "Ci sono due livelli di intervento formati da misure strutturali e misure congiunturali - ha spiegato il Segretario Generale del Ministero del Lavoro Francesco Verbaro – Per quanto riguarda le prime stiamo portando avanti insieme al Formez e alla Funzione Pubblica il progetto Qualità e innovazione nei Servizi per l’Impiego. Si tratta di un piano di formazione destinato ai dirigenti e ai dipendenti dei Cpi, finanziamento con due milioni di euro dal Fondo Sociale Europeo nell'ambito del PON Governance e Azioni di Sistema.   L’intervento sarà concentrato lì dove c’è più necessità: Sicilia, Calabria, Puglia e Campania, le quattro regioni dell'Obiettivo Convergenza”.  “Il percorso di formazione previsto dal progetto Qualità e innovazione dei Servizi per l'Impiego – ha spiegato la dirigente Ufficio Formazione Servizio FSE del Dipartimento della Funzione Pubblica Vittoria Cardilli – è strategico e avrà come obiettivo il potenziamento e miglioramento della qualità dei Servizi per l’impiego, favorendo lo sviluppo dei sistemi gestionali e l’aggiornamento delle competenze dei dirigenti apicali e degli operatori dei CPI” (leggi tutto l'intervento di Vittoria Cardilli). “Insieme alla Regione Sicilia – ha affermato il dirigente del Formez, Giuseppe Raviglia – abbiamo individuato per iniziare, un Centro per l’Impiego per ognuna delle province siciliane. Tra i nuovi compiti dei Cpi: il collegamento con le imprese per la gestione di domanda e offerta, la formazione per la ricollocazione dei disoccupati, la realizzazione di progetti finalizzati a favorire l’occupazione e dare informazioni sul lavoro accessorio” (leggi tutto l'intervento di Giuseppe Raviglia).Il piano del Ministero del Lavoro destinato a favorire l’occupazione giovanile, si chiama invece “Lavoro e Sviluppo” e mette a disposizione 120 milioni di euro per rilanciare l'occupazione meridionale. Il progetto rientra nell’attuazione del Pon Ricerca e Competitività 2007- 2013 e nasce da un accordo con il Consiglio dei Ministri. Il progetto di durata triennale - che vedrà anche il supporto di Italia Lavoro - prevede interventi formativi, riservati a disoccupati residenti nelle regioni dell’obiettivo convergenza (Calabria, Campania, Puglia e Sicilia) e del Mezzogiorno. “In pratica – ha spiegato Verbaro – sono previsti voucher formativi ma anche bonus per le imprese che a fine percorso decidono di assumere i tirocinanti e voucher alle imprese per l’attività di assistenza e formazione”. Il Direttore regionale dell’Inps Sandra Petrotta ha parlato dei voucher per lavoro occasionale. Si tratta di una “novità importante perché consente l’emersione dal lavoro nero per chi svolge lavori occasionali - ha puntualizzato Petrotta - Finora la misura è stata utilizzata soprattutto in agricoltura ma con le modifiche all’art. 70 della 276/03 la procedura vale per qualsiasi tipologia di lavoro ed anche per giovani con meno di 25 anni per lavori estivi o nei fine settimana. Utilizzarli è semplicissimo. Per il lavoratore non ci sono tasse da pagare e il datore di lavoro può acquistarli o all’Inps o direttamente online”. Al convegno hanno preso parte molti studenti e numerosi consulenti del lavoro. “Il vostro ruolo – ha detto Verbaro – è fondamentale per far funzionare i nuovi strumenti del lavoro accessorio”. Sono intervenuti per portare il proprio saluto al convegno il sindaco di Capo d' Orlando Enzo Sindoni, il presidente dell’ordine dei consulenti del Lavoro di Messina Carlo Maletta e il presidente dell’Ordine dei commercialisti e degli esperti contabili di Patti, Antonio Sidoti. Tanti gli argomenti affrontati durante l'incontro: dalle politiche a favore del reinserimento lavorativo nei bacini in crisi al progetto Eures per la mobilità. “La mobilità europea – ha detto Antonino Costantino, dirigente del Ministero del Lavoro – rappresenta una grande occasione per i giovani . Per questo stiamo organizzando anche dei Job days. I prossimi si terranno il 23 ottobre a Termini Imerese e il 30 ottobre a Catania”. Agostino Di Maio, direttore generale di Assolavoro, l’Agenzia nazionale che riunisce il 95% delle Agenzie per il lavoro private italiane, ha sottolineato come l’orientamento professionale e la ricollocazione di occupazione rappresentano “il cuore delle politiche attive per il lavoro. Il luogo dove il merito diventa l’elemento discriminante”. Infine il presidente del Gal Castell’Umberto – Nebrodi Gaetano Conti Nibali ha parlato dell’esperienza dei gruppi di azione locale sul territorio. “I Gal nascono dalla collaborazione tra pubblico e privato per valorizzare tutte le potenzialità del territorio", ha spiegato Conti Nibali. "I fondi che arriveranno in futuro, serviranno ad incrementare uno sviluppo utile per l’occupazione locale”. Fonte:Formez